My Calabria

by Camilla - foodaroundblog

ho nuotato dentro un orizzonte salato e ho leccato le mie dita che sapevano di mare – ho disteso un lenzuolo di pelle al sole ad asciugare e l’aria, era un’aria nuova – ho assaggiato tre fichi appena scesi dall’albero e ho annusato le foglie del mandarino mentre, nell’orto, una melanzana grassa si nascondeva sotto un’ombra- ho aperto una porta color del cielo e ho cercato di leggere il passato nelle rughe di un volto – poi mi sono presentata al cospetto dei due Re del Mare portando in dono una goccia d’acqua – ho salutato la Sicilia (chissà se si ricorda mai di me come io di lei) – ho visto altari costruiti per il Dio Cemento, ma non mi sono fermata lì a pregare (solo di fronte al mare mi sono inginocchiata e due delfini mi hanno benedetta) – il profumo dell’origano mi ha sfamata, e com’erano allegri i miei piedi nella sabbia – qualcuno che non conoscevo ha placato la mia sete da viandante e mi ha chiamata per nome –  avrei voluto perdermi dentro un bosco di eucalipti, ma una barchetta gialla mi aspettava e, ancora una volta, sono dovuta partire

I swam inside a salted horizon and I licked my sea savory fingers – I hanged a skin-sheet in the sun and the air, was a new one – I tasted three figs just come down from the tree and I smelled the mandarine’s leaves while, in the yard, a fat aubergine was hidden under a shadow – I opened a sky colored door and then I tried to read the past inside the wrinkles of a face – then I went in presence of the two Kings of the Sea bringing them a water drop as a present – I said hello to Sicily (wondering if she ever remembers me as I remember her) – I saw altars built for the God of the Cement, but I didn’t stop myself praying there (I fell on my knees only in front of the sea and two dolphins blessed me) – the oregano’s scent has satisfied my hungry and how happy were my feet in the sand – someone who didn’t know me kept my traveller-thirst calm and called me by name – I should have lost myself in a eucalyptus’ wood but a little yellow boat was waiting me and, once again, I had to leave

bike

Advertisements